COME EVITARE IL FURTO DELLA TUA BICICLETTA?

I furti delle biciclette sono purtroppo sempre più diffusi al punto che ogni anno la FIAB rileva circa 320.000 furti solo in Italia. Come prevenire il furto di una bici?

In commercio si possono trovare numerosi sistemi di antifurto: fisici o tecnologici.

Sistemi fisici.
Scontato, ma non così tanto, è saper legare bene la propria bici, sia la parte resistente sia i componenti rimovibili, facendo attenzione a scegliere un palo o una rastrelliera resistenti. Il lucchetto è composto da supporto o materiale utilizzato (lucchetti ad arco, catene ecc.), serratura (a chiave, più sicura, o a combinazione) e rivestimento (in tessuto o in plastica) importante per non rovinare la bici e per offrire un’ulteriore resistenza alla manomissione. Il lucchetto deve essere di qualità, sicuro e tale da scoraggiare l’eventuale ladro: ottimi sono quindi quelli realizzati in acciaio al manganese. Tra i lucchetti più resistenti e difficili da scassinare si consigliano, gli U-Lock, a forma di U e in acciaio. Se invece si preferisce la catena essa deve essere lunga per avvolgere tutti i componenti rimovibili della bici, dalla sella alle ruote: i ladri non si fermano di fronte a nulla, è fondamentale rendere complessa e difficile la manomissione. Tutto quello che si può asportare e non si può legare in maniera ottimale come contachilometri, borsa ecc., portatelo sempre con voi. Ricordate: nessun lucchetto o catena è indistruttibile ma più è difficile da rompere più il ladro desisterà dal rubare la vostra bici.

 

Sistemi tecnologici.
I sistemi tecnologici possono essere di diversa natura: sono utili soprattutto a furto avvenuto poiché consentono di rintracciare le biciclette rubate grazie alla presenza di sensori installati sulla bici e informare il proprietario tramite apposita app. Ci sono quindi sistemi satellitari che funzionano tramite GPS che informano costantemente sulla posizione della tua bici. L’antifurto è posizionato generalmente sotto il telaio e se la bici viene spostata un sms avvisa il proprietario ed è possibile localizzarla. Le bici Armony, per esempio, prevedono un sistema di antifurto istantaneo GPS Voila con servizio di inseguimento e tracciabilità. Posizionato sul manubrio e abbinato tramite bluetooth al cellulare, si attiva appena il proprietario si allontana. Quando viene rilevato un movimento non autorizzato scatta l’allarme antifurto che informa immediatamente del pericolo comunicando la posizione della bici tramite sms o telefonata. Ogni 90 secondi il proprietario viene poi informato della posizione della bici fino al suo ritrovamento.

Oltre a questi sistemi non guasta mai seguire il buon senso:

  • legare sempre la bici anche se viene lasciata incustodita per pochi minuti
  • un occhio alla zona in cui si parcheggia: preferire luoghi illuminati e frequentati
  • annotare il numero di telaio, personalizzare con un dettaglio la bici e fotografarla: in caso di furto sarà più facile rintracciarla e dimostrarne la paternità!

Proteggi la tua ebike! 😉

Pubblicato il 26 aprile 2018 in News

Share the Story

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top